Terzo passo: scrivere il soggetto/canovaccio

Rieccomi qui dopo una settimana. Le mie speranze di riavere il pc cominciano a scarseggiare.
La sfiga continua a perseguitarmi, i pezzi da sostituire non arrivano e l’unica cosa certa è il lavoro che si accumula insieme all’ansia.
Allo stesso tempo, però sono felice, il mio romanzo sta lievitando, anche fin troppo. Lo so avevo detto che stavo scrivendo l’ultimo capitolo, ma in realtà era il penultimo (l’ho scoperto solo due sere fa)… mi divertirò un sacco a tagliare quando farò la revisione, perciò miei lettori cavia siete avvisati, il romanzo è agli sgoccioli! Continue reading “Terzo passo: scrivere il soggetto/canovaccio”

Parole di Paura

Ciao a tutti amici lettori. Scusatemi, ma anche questa volta mi sono distratta.

Vorrei giustificarmi per questa mia assenza dicendo: non ho postato nulla, perché ero impegnata nella stesura dell’ultimo capitolo del romanzo e mi sono dedicata solamente a quello, ma non è vero. Cioè è vero che sono all’ultimo capitolo, ma non ho scritto neanche una parola; è fermo alla seconda pagina e oggi mi ritrovo qui coi sensi di colpa. Cosa ho fatto per due settimane? Mi sono bloccata. In testa continuano a ronzarmi due personaggi, che non c’entrano nulla né con il racconto aperto sul blog e neanche con il romanzo e allora? Cosa devo o posso fare? Continue reading “Parole di Paura”

Secondo passo: i personaggi

Un po’ di tempo fa ho introdotto il concetto di casting, ma oggi voglio approfondire meglio questo passaggio. I personaggi sono i veri protagonisti della storia, che ci accingiamo a raccontare, ma devono essere delle persone reali, vive e piene di sentimento. Bisogna ricordarsi che non sono dei feticci inanimati, ma hanno un’anima e cosa più importante da non dimenticare, loro saranno i nostri amici per molto, molto tempo. Per mesi o anni ci accompagneranno durante le nostre giornate senza tregua e lunghe notti. Continue reading “Secondo passo: i personaggi”

I tuoi personaggi sono vivi?

L’altro giorno sono andata in ospedale e ho incontrato uno dei miei personaggi. In carne e ossa. Mark W. è un dottore e un ricercatore alquanto eccentrico, particolare, la sua mente viaggia lontano e si fa fatica a seguire il filo dei suoi pensieri. Quel personaggio era lì di fronte a me, senza preavviso aveva preso vita. Continue reading “I tuoi personaggi sono vivi?”

I limiti invisibili

L’altro giorno ho scritto il racconto Reborn City e durante la stesura mi sono bloccata. Alcuni limiti invisibili, o meglio un certo senso di pudore (immotivato per giunta) mi ha frenata. In poche parole? Mi sono auto-censurata. Continue reading “I limiti invisibili”

Primo passo: l’ambientazione

L’ambientazione è uno degli elementi che con il tempo ho imparato a amare, non è semplicemente un contorno; un orpello di cui fare a meno, ma un elemento importante, talmente tanto, che senza non potrebbe esserci la storia stessa.

Un macro-mondo, che se studiato bene, può aiutarci a scrivere la trama, potrebbe addirittura venirci incontro, quando ormai la nostra scrittura si blocca e si fossilizza, ma attenzione, potrebbe anche divenire la causa principale del nostro blocco. Insomma, una buona storia non è fatta solo di azioni, personaggi, eventi, ma anche da ciò che circonda tutto ciò, dà forma e peso. In una parola è sostanza.

Molti anni fa scrivevo senza pensare a quest’aspetto. Scrivevo e mi concentravo solo sulla trama e su ciò che i protagonisti dovevano o volevano fare, ma non era abbastanza. Mancava sempre qualcosa. Le descrizioni erano fatte a casaccio. Mancava una struttura logica e razionale. Scrivevo tanto, ma l’unico risultato che ottenevo era carta, buona solo per accendere il camino. I luoghi, gli sfondi, i mezzi di trasporto erano nebulosi, imprecisi e mutavano ogni volta. Certo scrivevo, ma quelle storie erano incomplete e non mi davano soddisfazione proprio per nulla.

Non sono un guru  e nemmeno un’esperta. Quello che scriverò è solo frutto della mia personale esperienza e di alcune mie riflessioni e ricerche. Da una parte mi verrebbe da dire: “certo con l’età si matura”, ma non sono così vecchia, anche se quei due capelli argentati la pensano diversamente!

Come fare a creare una buona e superba ambientazione? Cerchiamo di ragionarci insieme. Aiutatemi là dove tralascerò qualcosa e criticatemi là dove scriverò cavolate. Bando alle ciance, cominciamo! Continue reading “Primo passo: l’ambientazione”

Moto perpetuo

Anche oggi sono in ritardo con la pubblicazione. Dovrei arrendermi e dire a me stessa e a voi che il vero giorno di pubblicazione è il mercoledì, ma non lo faccio e non lo farò. Voglio perseverare e poi questi giorni di caos mentale e di sbatti familiari finiranno no? Ditemi di si, vi prego. Non appena rientrerò nei giorni prefissati e a scrivere gli articoli con largo anticipo, penso che quel giorno possa nevicare sangue… ma la normalità è noiosa non trovate? Continue reading “Moto perpetuo”

Il casting

Oggi vorrei parlare di uno degli argomenti più difficili di tutta la scrittura creativa! Sto parlando della creazione o della scoperta dei personaggi che popolano le nostre storie.

Cercherò di capire come nascono e come si sviluppano. Chi sono in realtà? E fino a quando non cominciamo a scrivere di loro non lo sapremo mai veramente. A volte capita di fare la loro conoscenza solo in corso d’opera, altre volte, invece vengono depennati, non sono adatti proprio per nulla. Il loro concepimento è lungo, doloroso alcune volte, mentre altre vi sembrerà di conoscerli da sempre, ma chi sono loro e come facciamo a reclutarli?

Tutto nascerà da un’idea, piccola e potente allo Continue reading “Il casting”

Progetti mai conclusi

Oggi è martedì, ma probabilmente quando leggerete questo post sarà già mercoledì, pazienza sono e sarò sempre in ritardo e vi garantisco che rincorrere il tempo è stancante!

Se dovessi scegliere una parola per descrivere questo periodo sarebbe “corsa”. Davvero correre ormai è la mia parola must; il mio cavallo di battaglia, ma veniamo a noi. Il tempo scarseggia e così mi metto a scrivere.

Era da un po’ che volevo affrontare questo post, ma per un motivo o per un altro ho sempre rimandato o scelto un argomento diverso e allora, bando alle ciancie e diamoci dentro! Continue reading “Progetti mai conclusi”